Un tatuaggio per unire il mondo

Un tatuaggio per unire il mondo

Gli anni ‘80 sono tornati di gran moda e, ripensando a quegli anni, non si può non ricordare un brano che ha fatto la storia della musica: We are the world.

Un pezzo musicale realizzato da numerosi artisti statunitensi che, per beneficienza, decisero di interpretare quello che in breve divenne l’inno dell’amore tra i popoli; ancora oggi infatti fa da colonna sonora ad ogni evento o manifestazione dedicati a promuovere uguaglianza e solidarietà.

Recentemente @Momondo ha realizzato un cortometraggio in cui titolo è: “The World Piece”; l’obiettivo di questo film è di per porre l’attenzione su un argomento sempre molto discusso: la tolleranza nel mondo.

Momondo vuole trasmettere un messaggio di fiducia, di speranza e di tolleranza unendo persone di culture differenti e di nazioni lontane tra loro, gente con la pelle di colori diversi; l’obiettivo di Momondo è quello di mostrare che sono molte di più le similitudini rispetto alle differenze tra tutti gli uomini del pianeta terra.

Per realizzare questo corto Momondo ha coinvolto 61, persone provenienti da diversi paesi del mondo, di razze e religioni differenti e li ha “uniti” creando un unico tatuaggio che corre lungo le loro schiene che si sono trasformate in una unica tela.

Posti uno di fianco all’altro i tatuaggi creano un unico lungo fil rouge che unisce le persone, promuovendo un messaggio di fratellanza e di tolleranza.

Non importa di che colore si abbia la pelle o quale sia il proprio credo, il mondo è la nostra casa ed è auspicabile un convivenza pacifica e rispettosa delle varie differenze culturali.

Anche perché queste differenze culturali sono il motivo principale che ci spinge a viaggiare, a scoprire luoghi lontani da noi differenti per mille aspetti e proprio per questo così affascinanti.

Vi invito a guardare il breve film di Momondo e a condividerlo.

31_back_Aida-Hideyanti

 

@momondo, #owtravelers, #imaworldpiece #admomondo

Nessun commento.

Nessun commento. Pubblica il primo commento!

Scrivi un commento