CURRY, BUDDHA E MARATONE. 365 GIORNI ASIATICI

CURRY, BUDDHA E MARATONE. 365 GIORNI ASIATICI

Avete mai pensato cosa possa accadere se decideste di mollare tutto e partire verso una meta lontana? Quel lungo viaggio che ti fa ritrovare la voglia di vivere, che TI fa riscoprire l’essenza delle piccole cose e vedere la vita con altri occhi. Un viaggio dove cibarsi di tramonti, di storie assurde, di sapori forti, fatto 100% da emozioni. Chi ha trovato il coraggio, e la fortuna, di poter stravolgere la propria vita, porta con sé quel flusso di positività perenne che a pochi è concesso avere. A Simone è capitato tutto ciò.

MOLLARE TUTTO E VIAGGIARE

Questo ragazzo della periferia di Roma, ha deciso di lasciare il suo vecchio lavoro da geometra; un lavoro da libero professionista che, nonostante un buon guadagno, lo stava portando in un oblio chiamato routine. Ha una sola certezza nella sua vita: la corsa. Più di uno sport, più di una medicina, una leale amica che lo ha trascinato a vincere le sue sfide più grandi, e che è riuscito ad accostare con la passione del viaggio.

I PRIMI 6 MESI NEL SUD-EST ASIATICO

Ha fatto un biglietto aereo di sola andata ed è volato verso la Thailandia, il Laos, la Cambogia, il Vietnam ed il Myanmar. Simone riscopre che la vita è una storia meravigliosa, che è sempre soggetta a numerosi cambiamenti e che ognuno di noi scrive le pagine personali da poter raccontare. Quella di Simone, mentre inizialmente attraversa quasi tutti i paesi del Sud-Est Asiatico, parla delle vittorie di alcune sue paure che si portava dietro dall’adolescenza, parla della difficoltà nello staccarsi dalla mentalità occidentale e dal relazionarsi con un mondo attuale che non sente più suo. Simone non si pone limiti e racconta degli amori che incontra lungo il suo cammino o delle lacrime nel momento in cui raggiunge la felicità.

LA GRANDE INDIA

L’India lo cambia, inevitabilmente. Tra il Gange, le baraccopoli, lo yoga ed i mitici treni indiani, il ragazzo romano tocca con mano la povertà, accantonando il superfluo e cambiando totalmente il suo modo di vedere le vita; riscopre la voglia di mettere a contatto, e portare più rispetto, al suo corpo e la sua mente; si lascia andare, nei suoi quattro mesi indiani, dalle maree che lo trasportano qua e là senza una meta precisa in quel grande subcontinente. Piange sensibilmente alla vista dell’Everest, dopo tre settimane di trekking. Mantiene la promessa al suo maestro d’inglese festeggiando il compleanno nella sua casa in Sri Lanka.

LA PASSIONE PER IL RUNNING 

In Asia Simone ha corso e macinato chilometri. Non si è fermato davanti ai motorini nepalesi, allo smog di Nuova Delhi, oppure correndo di notte sotto un’abbondante pioggia nella maratona di Chiang Rai o addirittura quando fu scambiato per un supereroe dai bambini birmani grazie alla bandiera tricolore sulle spalle.

IL CAMBIAMENTO SPIRITUALE DI UN LUNGO VIAGGIO

Questo libro non è soltanto un diario di viaggio, ma un diario del cambiamento di un ragazzo divenuto uomo in 365 giorni. Parla della vita di un turista che giorno dopo giorno diventa un viaggiatore; di chi si emoziona nel vedere due cuccioli di cane e della sensibilità di un backpacker di fronte alla povertà. Porta con sé soltanto una paura: quella di tornare in un mondo in cui spera possa essere cambiato qualcosa, quando in realtà tutto è perfettamente uguale, se non peggio.

libro1

Nessun commento.

Nessun commento. Pubblica il primo commento!

Only registered users can comment.