4 passi per Lione

4 passi per Lione

Lione è una delle città più belle di Francia e meta perfetta per un week end, considerando anche che è facilmente raggiungibile dall’Italia.

Con alle spalle una storia di 2000 anni, Lione conserva resti dell’antica presenza romana, un patrimonio storico importantissimo che testimonia come Lione, sin dai tempi dei Romani, fu un avamposto fondamentale per i collegamenti tra la penisola italica e la Gallia.

La città sorge alla confluenza di due fiumi, il Rodano e la Saona, ed è adagiata sulle colline di Fourvière e della Croix-Rousse, è il capoluogo della regione Rodano-Alpi ed il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 1998.

Fourviére è denominata la collina della preghiera per via delle numerose chiese, mentre la Croix Rousse, il quartiere dei tessitori, è un quartiere perfetto dove trovare bistrot, nelle piazze invece si può giocare a bocce con i lionesi.

A Lione si possono ammirare ampi boulevard ispirati ad Haussmann che ridisegnò Parigi e i  suoi boulevard, inoltre si può passeggiare per la Place Bellecour, una piazza tra le più grandi e affascinanti di Francia, al cui centro sorge la statua di Luigi XIV.

Il cuore della Vieux Lyon, la Presqu’ile, è ubicata tra i due fiumi e rappresenta il centro amministrativo della città con bei palazzi come quello del Municipio, splendide fontane e piazze curate; qui sono concentrati i tanti bouchon lionesi, i tipici ristoranti con specialità culinarie locali come la famosa Insalata Lionese.

Infine i quartieri rinascimentali di Saint-Jean, Saint-Paul e Saint-Georges: la Chiesa di Saint-Jean, in particolare, che ricorda molto quella di Notre-Dame di Parigi.

La fontana che si trova in Place Terreaux nel quartiere della Croix-Rousse è stata realizzata da Bartholdi, lo stesso scultore che realizzò la Statua della Libertà, per la città di Bordeaux che però non fu in grado di sostenerne il costo, la città di Lione quindi si offrì per comprarla; la fontana venne esposta anche alla Esposizione Universale del 1889 a Parigi.

I quattro cavalli rappresentano 4 fiumi di Francia, la particolarità, che rende unica questa fontana, è che i cavalli, con scadenza regolare, emettono del fumo dalle narici, l’effetto è molto scenico e rende in senso del movimento e della fatica di questi cavalli che sono raffigurati mentre galoppano.

Lione è anche la capitale europea dei murales, non bisogna perdere il Muro dei Canuts, il primo di tutti, che racconta su 1200 metri quadrati la storia della Croix-Rousse, ma altri murales e trompe l’oeil sono sparsi in tutta la città, compresi i quartieri più popolari.

Buon week end!

Nessun commento.

Nessun commento. Pubblica il primo commento!

Scrivi un commento