Nara, tra templi e cervi

Nara, tra templi e cervi

Nara è una gradevole cittadina del Giappone, ricca di storia e monumenti, grazie ai quali è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco nel 1998.

Per girare per la città si possono usare gli efficientissimi mezzi pubblici, i pulmini portano ovunque con una frequenza e una puntualità sbalorditiva, il biglietto giornaliero è una tavoletta di legno da tenere al collo che poi si può conservare come souvenir.

Qui si può ammirare, e rimanere stupiti, dal più grande tempio al mondo realizzato in legno, il Todai-ji, una struttura affascinante e dall’atmosfera unica.

Antistante al tempio Todai-ji, il tempio buddhista, si trova un ampio parco cittadino, dove girano liberamente i cervi, che sono diventati il vero simbolo della città; li si trova un po’ ovunque in città e sono rappresentati anche sui tombini e ovviamente su qualunque souvenir che viene venuto nei negozi!

I cervi Sika sono animali che in passato erano considerati sacri e la cui uccisione era ritenuta un delitto capitale, oggi hanno perso la loro aurea di sacralità ma sono considerati un patrimonio nazionale e come tale vengono protetti.

Peccato che i simpatici cervi abbiano preso un po’ troppa confidenza con le persone, cercano coccole ma soprattutto cibo, arrivano con il loro muso indagatore alla ricerca di cibo e a volte si infilano in borse, zaini e giubbotti.

Comprare i biscotti preparati ad hoc per i cervi potrebbe essere una soluzione per placare il loro appetito e fare belle foto, certo poi vi seguiranno sperando in ulteriori gustosi spuntini.

Tornando ai monumenti, il Kōfuku-ji è un complesso templare buddhista al cui interno sono presenti numerosi padiglioni e soprattuto una pagoda a tre piani molto fotogenica.

Assolutamente da non perdere il Santuario Kasuga, questo santuario incastonato nella foresta primordiale Kasugayama è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

Il complesso in cui si trova questo santuario scintoista è un bel esempio di architettura sacra giapponese, all’interno della costruzione principale si trovano numerose lanterne in bronzo mentre lungo il sentiero, dal quale si accede al santuario, si trovano più di mille lanterne in pietra che accompagnano i fedeli, queste sono tutte donazioni di devoti al santuario.

Anche qui i cervi sono presenti in gran numero ma sono molto meno molesti ;-)

Una giornata a Nara è assolutamente da inserire in un tour del Giappone, e non perdetevi le viette della parte vecchia della città, dove, nelle tipiche abitazioni giapponesi, sono nati negozi e boutique di artisti locali.

Nessun commento.

Nessun commento. Pubblica il primo commento!

Scrivi un commento