Un’avventura tra le montagne del Trentino: Adventure Archery Park

Un’avventura tra le montagne del Trentino: Adventure Archery Park

In Trentino, a pochi chilometri da Arco di Trento e dal Lago di Garda, c’è un’oasi incantevole che ospita un adventure park per fare un’esperienza molto interessante: l’Adventure Archery Park.

All’interno dell’Oasi del Lago Bagattoli, vicino a Dro, è possibile imparare a tirare con l’arco, ma non è una scuola, bensì è un percorso esperienziale che si può compiere guidati da Stefano, un simpaticissimo toscano che è stato trapiantato in Trentino che, con il suo humor e la sua professionalità, accompagna gli ospiti in un viaggio nel tempo.

Abbiamo scoperto questo luogo per caso e abbiamo deciso di sperimentare questa attività che ci è sembrata subito molto interessante.

Dal Lago di Garda, abbiamo raggiunto Riva del Garda, abbiamo percorso altri 15 km e poi abbiamo preso una strada sterrata che, ci ha condotto a un grande parcheggio.

Parcheggiata l’auto in un ampio spazio che, per due milanesi come noi, equivale a trovare l’eldorado, incontriamo subito Stefano, lui sarà la nostra guida; è molto simpatico e si vede subito che ama il suo lavoro, ci dirà poi che lui ha una missione: far provare alle persone l’esperienza di come vivevano e di come si procuravano il cibo i nostri antenati.

Adventure Archery Park infatti non è un corso tecnico di tiro con l’arco, ma è un percorso naturalistico dove si impara a tirare con l’arco in maniera istintiva, lasciandosi guidare dal nostro istinto primordiale, eredità preziosa che ci è stata tramandata dai nostri antenati.

Voglio subito chiarire un punto a cui teniamo particolarmente: questa attività non vuole essere in alcun modo una istigazione alla caccia, ma piuttosto un percorso che aiuta a comprendere quanto fosse dura la vita dei nostri antenati che, come tutte le popolazioni primitive, erano cacciatori-raccoglitori.

Ancora oggi le tribù che vivono in armonia con il territorio e che vivono ancora in maniera primitiva, come i San in Africa Meridionale e gli Hadzabe in Tanzania, identificano nel cacciatore l’elemento più importante del villaggio perché garantisce la sopravvivenza del gruppo.

Stefano ci insegna subito le regole di sicurezza per vivere l’esperienza in serenità, oltre alla tecnica base di tiro e la corretta postura; volutamente l’insegnamento è rudimentale e questo per lasciare che il nostro istinto e l’interazione con l’ambiente circostante ci guidino nel tirare le frecce.

Qui ad Adventure Archery Park sono presenti due percorsi, uno, il Family Archery Park, questo percorso è breve e facile ed ha 6 postazioni di tiro, è adatto alle famiglie con bambini dai 4 anni in su; l’altro percorso invece, il Wild Archery Park, è un percorso di oltre un chilometro dove, oltre a scoccare delle frecce nelle 16 postazioni presenti, si compie un facile trekking nel bosco, quest’ultimo è perfetto per gli adulti e per i ragazzi dai 10 anni in su.

Una informazione importante: sia i bambini sia i ragazzi che hanno meno di 18 anni devono sempre essere accompagnati da un adulto.

Noi ovviamente abbiamo scelto di cimentarci con il Wild Archery Park, in tutto questa esperienza dura circa 2 ore e mezza; siamo emozionati di provare questa novità anche se non sappiamo bene cosa ci aspetta.

Imbocchiamo il sentiero seguendo Stefano; il percorso, che è costituito da 16 tappe dove si tira con l’arco, copre un dislivello di 250 metri ma non è un percorso difficile, inoltre è possibile fermarsi ad ammirare il paesaggio e la natura ascoltando gli interessanti racconti e aneddoti di Stefano.

archery park

Entrando nel bosco si entra subito in un mondo parallelo fatto di odori, rumori e consistenze diversi da quelli a cui siamo abituati: i pini profumano; i massi rocciosi che hanno una lunga storia geologica e che sembrano buttati qua e là a caso da un gigante; il terreno è molto soffice, in conseguenza al materiale naturale che lo ricopre, tanto che sembra di camminare su un enorme materasso; le more, che iniziano a maturare sui rovi, regalano un po’ di colore e di sapore; mentre gli uccelli e la coppia di caprioli che abita in questa zona del bosco fanno da spettatori curiosi alle nostre prodezze.

Dopo aver imparato tutto quello che c’è da sapere, sia dal punto di vista tecnico, sia emotivo, tirando frecce contro alcuni bersagli bianchi; siamo pronti per affrontare il percorso.

Saliamo lungo il sentiero e, ad ogni tappa, affrontiamo la nostra sfida; ogni volta è diversa e Stefano ce la presenta in un modo molto coinvolgente e divertente.

Ha realizzato dei bersagli che simulano le prede che i nostri antenati cercavano di catturare per sfamare il villaggio; si deve cercare di colpirli e non sempre è facile, ma Stefano con la sua ironia e con la battuta pronta rende tutto divertente anche per chi, come noi, non ha mai visto un arco prima d’ora.

Ogni bersaglio è differente, alcuni sono fissi, altri si muovono azionati da una corda e un sistema di carrucole; alcuni sono più vicini, altri più lontani, ognuna delle 16 tappe riserva qualcosa di nuovo e sfidante.

L’esperienza è stata fantastica, diciamo che per essere la prima volta ce la siamo cavata anche se a volte, anziché colpire i nostri obiettivi, gli abbiamo fatto paura col sibilo delle frecce che colpivano gli alberi, le rocce e il terreno circostante, e, in ultima analisi, possiamo affermare che, se fossimo stati nella preistoria, avremmo rischiato di morire di fame o di essere divorati da qualche predatore.

Una volta terminato il percorso ci rendiamo conto di essere un po’ stanchi e di aver esaurito le nostre energie, nonostante siamo felicissimi dell’esperienza appena trascorsa; per fortuna a pochi passi dal percorso, sempre nell’Oasi del Lago Bagattoli c’è un ristorantino che propone polenta e stinco ed ottimi salumi e formaggi.

Decidiamo di pranzare lì a bordo lago commentando l’eccezionale esperienza appena vissuta.

Chi vuole visitare Adventure Archery Park deve recarsi in Trentino, il parco si trova a 15 chilometri da Riva del Garda sull’omonimo lago, a 30 chilometri da Trento, 100 chilometri da Brescia e 90 chilometri da Verona.

Per info e prenotazioni adventurearcherypark.com

PINTEREST

Nessun commento.

Nessun commento. Pubblica il primo commento!

Only registered users can comment.