Tre vulcani da cartolina

Tre vulcani da cartolina

I vulcani esercitano sempre un fascino particolare sui viaggiatori e anche sugli appassionati di fotografia.

Oltre ad essere molto interessanti dal punto di vista geologico, godono sempre di un certo rispetto e timore reverenziale dato il loro enorme potere distruttivo.

Tre vulcani in particolare sono talmente iconici da essere riconosciuti a prima vista da tutti: il Vesuvio, il Monte Fuji e il Kilimanjaro.

Vesuviogolfo di napoli Vesuvio

Il Vesuvio con i suoi 1.281 metri domina il Golfo di Napoli e con il suo profilo fa da sfondo alla città, creando un perfetto landscape da cartolina.

Il Vesuvio è un vulcano attivo e in passato le sue eruzioni esplosive lo hanno reso famoso nel mondo, grazie ai siti archeologici di Pompei ed Ercolano si possono studiare e vedere da vicino le conseguenze di tali eruzioni.

L’ultima eruzione del Vesuvio è del 1944 e fu ampiamente documentata dai video dell’esercito anglo-americano che in quel periodo, durante la Seconda Guerra Mondiale, occupava l’area di Napoli.

Inserito nel Parco Nazionale del Vesuvio, il Vesuvio offre la possibilità di un’escursione fino al bordo del cratere.

L’escursione è relativamente facile, si arriva in auto fino ai 1000 metri di altezza, da qui si percorre il sentiero fino alla cima in circa 30 minuti da dove si possono così ammirare le colate di lava ed un panorama incredibile sulla città e sul Golfo.

Da non perdere sono ovviamente le visite a Pompei ed Ercolano che offrono splendide vedute del Vesuvio oltre a raccontare la storia di eruzioni devastanti.

Kilimanjaromount kilimanjaro

Nel nord della Tanzania troviamo il Kilimanjaro che con i suoi 5.895 metri è il vulcano e il monte più alto di tutto il continente africano, inoltre è la montagna singola più alta del mondo.

La sommità del Kilimanjaro è caratterizzata dalla presenza di un ghiacciaio permanente anche se, negli ultimi anni, la dimensione dei ghiacci si è ridotta notevolmente a causa del surriscaldamento terrestre.

La vista del Kilimanjaro, soprattutto la mattina all’alba o al tramonto, quando è sgombro da nuvole e foschia, è uno degli scenari più iconici d’Africa che non può mancare nel cv di un viaggiatore.

Le vedute più belle e suggestive del Kili, come lo chiamano i locali, si hanno dal Parco Nazionale dell’Amboseli in Kenya, qui potrete ammirare gli elefanti tra i più belli e mastodontici d’Africa aggirarsi nella savana con il vulcano sullo sfondo.

Fujifuji primavera

Il monte Fuji è senza dubbio uno dei simboli del Giappone.

Oltre ad essere un vulcano il Monte Fuji è anche la montagna più alta di tutto il Giappone, misurando 3.776 metri sopra il livello del mare.

Le vette del Fuji sono ricoperte per dieci mesi l’anno di uno strato di neve che si scioglie totalmente solo nei mesi più caldi dell’anno, luglio e agosto.

Il periodo migliore per visitare la zona Parco Nazionale Fuji-Hakone-Izu, dove si trova il Monte Fuji, è aprile, periodo in cui si registra il maggior accumulo di neve sulla vetta e si può assistere alla fioritura degli alberi di ciliegio.

Il modo migliore per raggiungere la zona è utilizzando lo Shinkansen, ossia la linea ad altissima velocità giapponese, che vi porterà qui da Tokyo in poco tempo, un viaggio nel viaggio!

Enjoy!

Nessun commento.

Nessun commento. Pubblica il primo commento!

Scrivi un commento