I Grandi Parchi Canadesi del Quebec

I Grandi Parchi Canadesi del Quebec

La regione del Quebec è caratterizzata da una natura incredibile e incontaminata dall’azione dell’uomo, qui si trovano alcuni Grandi Parchi Naturali che meritano di essere visitati.

Il Mauricie National Park ha un paesaggio costituito da un vasto altopiano ondulato interrotto da numerosi laghi, se ne contano ben 150 di varie dimensioni, colline arrotondate e numerose cascate, torrenti e valli strette.

Il suo fitto bosco misto di conifere e di latifoglie è composto da più di 30 specie di alberi che coprono il 93% della superficie del parco, in particolar modo si trovano numerosi alberi di acero, betulla gialla e faggi.

Il parco si trova in una zona di transizione al margine settentrionale delle grandi foreste di latifoglie del Quebec; al confine settentrionale del parco inizia infatti la foresta boreale.

Il parco è l’habitat ideale per più di 40 specie di mammiferi, tra cui vanno ricordati l’alce, l’orso nero, il castoro, la volpe rossa, il lupo, il coyote e lo scoiattolo rosso.

Si trova a metà strada tra le due più grandi città del Quebec, Quebec City e Montreal, e si trova nord del fiume San Lorenzo.

Mauricie NP R. Boerner

Forillon National Park occupa la punta orientale della penisola Gaspe, al termine di una lunga catena di montagne piatte, gli Appalachi che, vecchi di oltre 375 milioni di anni fa, degradano dolcemente verso il mare.

Il Parco è stato creato nel 1970 per proteggere i magnifici paesaggi scavati sul mare, scogliere e montagne.

Forillon è il primo parco nazionale del Quebec e protegge delicate colonie di uccelli e mammiferi marini, come ad esempio tra le 60 e le 100 foche grigie che abitano le rocce al largo della costa nord.

Le foche arrivano a metà maggio per partorire di solito entro metà giugno nelle acque che circondano la penisola; le foche grigie arrivano con i loro piccoli per riposare e socializzare sulle secche rocciose e sulle spiagge.

Le sette specie di balene che transitano in queste acque, che sono la grande attrazione da luglio a settembre, sono la megattera, la balena blu, il più grande animale in tutto il mondo e la balena pilota.

Mentre tra i mammiferi terrestri presenti nel parco ci sono l’alce, l’orso nero, la volpe rossa, il bobcat, e una mandria isolata di Caribou.

 


Il Mingan Archipelago National Park, è una riserva costituita da 40 isole, parte della regione naturale del San Lorenzo Orientale.

Le isole e gli isolotti minori si trovano paralleli alla terraferma ad una distanza media di circa 3,5 km, l’arcipelago si estende per circa 150 chilometri lungo la riva nord del San Lorenzo.

Le grotte, i fossili, le rocce e i monoliti creano un ambiente eterogeneo che fornisce un habitat ideale per una grande varietà di flora e di fauna selvatica, sia a terra che in mare; si contano circa 450 specie di piante, tra cui 100 considerate rare o in via di estinzione.

Le foche grigie e le foche della Groenlandia possono generalmente essere avvistate già a partire dal mese di maggio.

Nove specie di balene sono attratte dall’abbondanza di plancton e pesci nelle acque dell’isola mentre le numerose specie di animali terrestri includono il castoro, lontra di fiume, topo muschiato, scoiattolo rosso, volpe rossa, la donnola, pipistrelli e roditori e ben 200 specie di uccelli.

Il Saguenay – St. Lawrence National Park fu istituito nel 1990 ed è dedicato alla protezione di un ambiente marino.

La riserva racchiude il fiordo di Saguenay, la metà settentrionale dell’estuario del San Lorenzo e del fondo marino e le rive del fiordo, un tempo caratterizzate da una fitta vegetazione.

Il parco offre l’opportunità di osservare numerose specie di uccelli e animali marini; ci sono molte specie uccelli come cormorani, gabbiani reali, gazze marine, urie e aironi blu che nidificano sulle isole e scogli.

La zona costiera è un terreno di svernamento per le specie come il Black Duck americano, il Goldeneye e Oldsquaw.

Le balene beluga, appartenenti una specie considerata a rischio di estinzione, sono comunemente presenti nell’estuario; inoltre qui si trovano balenottere minori, balenottere e balene blu che possono essere avvistate da punti lungo la costa, come Pointe de l’Islet.

Avvistamenti delle rare di megattere, capodogli e delfini bianchi sono stati fatti dalle coste rocciose; il parco protegge anche le aree di sosta per le piccole popolazioni di foca comune e foca grigia.

forillon np Andrea Schaffer

Nessun commento.

Nessun commento. Pubblica il primo commento!

Scrivi un commento